La Sezione di Forlì celebra la Giornata della Rimembranza e ricorda i Caduti di Nassirya

La sezione UNSI di Forlì l’11 novembre 2020 ha accompagnato, nel rispetto delle normative Covid,  la Signora Mirna Melandri autrice del libro “IL SOLDATO CANADESE E LA BIMBA DI CINQUE GIORNI”  e la Signora Luciana Trerè (la bambina di cinque giorni) presso il Cimitero del Commonwealth di Villanova di Bagnacavallo (RA) per depositare una corona di alloro nella Giornata della Rimembranza, celebrata contemporaneamente in tutti i cimiteri del Commonwealth dove riposano le spoglie dei soldati Canadesi, sula lapide dove riposa il Soldato canadese Harold STEVENS.

La deposizione della corona, spedita espressamente dal Capitano di Vascello Andre Boisjoli, Addetto per la Difesa del Canada presso l’Ambasciata del Canada a Roma alla Signora MELANDRI, vuole essere il riconoscimento all’autrice del libro che viene insignita per tramite dell’Addetto Militare Canadese a rappresentare lo Stato dell’acero rosso in una cerimonia purtroppo limitata dalle norme di contrasto alla pandemia.

Il giorno dopo, 12 novembre, la Sezione ha ricordato i Caduti di Nassirya  con la deposizione ai piedi della targa in Piazzetta della Misura, che ricorda i Caduti in Iraq nel giorno dell’attentato di Nasiriya, un omaggio floreale.

Erano presenti il Presidente, Primo Maresciallo (ris.) Roberto Toscano, il Primo Luogotenente (ris.) Raffaele Acri, il Signor Euro Mangelli e alcuni componenti del direttivo di Sezione.

Raffaele ACRI
Socio e membro del Consiglio Direttivo della sezione di Forlì dell’UNSI 

“IL SOLDATO CANADESE E LA BIMBA DI CINQUE GIORNI”

Il libro pubblicato, racconta di un incontro casuale tra l’autrice e la Signora Trerè che oggi ha 75 anni la quale racconta la sua storia e quella della sua famiglia, sfollati durante l’avanzata del fronte lungo il fiume Senio e costretti ad attraversare un torrente in piena, mentre la piccola Luciana era tra le braccia della nonna. Un malore o forse un inciampo fanno cadere la piccola Luciana nel fiume che viene trascinata dalla corrente tra i flutti. Un soldato canadese Harold STEVENS che era in movimento con il suo Reparto assiste alla scena si lancia nel torrente, salva la bambina e la riconsegna alla famiglia. Purtroppo nel risalire la sponda inciampa e salta su una mina tedesca e muore dopo qualche giorno per le ferite riportate.

La Signora Trerè confessò alla Signora Melandri di non sapere nulla del Soldato canadese che l’aveva salvata, colpendo passione dell’interlocutrice, che anche a seguito di fortunate coincidenze e la collaborazione del Primo Maresciallo Roberto TOSCANO Presidente dell’Unione Sottufficiali che ha coinvolto il fratello e la cognata residenti in Canada è riuscita a collegare i fili della memoria e dei superstiti raccogliendo nel libro, cui il Primo Maresciallo TOSCANO ha curato la prefazione, una storia d’amore tra gli orrori della guerra che ha travalicato le barriere nazionali, culturali e linguistiche unendo due famiglie lontane migliaia di chilometri per sempre.