Page 3 - Sentiero Tricolore Gen Ago 2017
P. 3
3 SENTIERO TRICOLORE

Rimini, la prima

colonia romana

della pianura

padana Nella foto: Arco di Augusto

La città di Rimini ha un’impor- nascita della comunità cristia- mente per non conoscenza, è che a Rimini sono quasi tutti loca-
tantissima storia che molti igno- na. Furono costruiti conventi Rimini ha un importantissima lizzati intorno a piazza Cavour,
rano. Il territorio riminese fu e chiese. Nel 1295 essa diventò storia alle sue spalle. Se infatti il lungo il Corso D’Augusto. Piaz-
abitato sin dall’età del neolitico una signoria appartenente al pa- terriotorio riminese fu abitato fin za Cavour, chiamata un tempo
e successivamente dai Villano- triarca della famiglia Malatesta e dal neolitico, e successivamente piazza del Comune o della Fon-
viani, Umbri e Gallici. La città precisamente a Malatesta da Ve- dalle popolazioni Villanovia- tana, era il centro della vita cit-
conobbe il primo assetto urbano rucchio, da cui deriva il nome di na, Umbra e Gallica, è solo con tadina. Su di essa si affacciano il
con l’arrivo dei romani nel 268 uno dei più celebri monumenti l’arrivo dei Romani nel 268 a.C. Palazzo dell’Arengo e quello del
a.C. , diventando così la prima “Il tempio malatestiano” e la che la città conobbe un assetto di Podestà. Nel 1295 Malatesta II,
colonia nella Pianura Padana. piazza più illustre “Piazza Mala- tipo Urbano. Lo stabile insedia- figlio di Malatesta da Verucchio,
I romani occuparono Rimini testa”. mento dei coloni latini contri- fu proclamato capitano e signore
perché si trovava in una posizio- Nel XV secolo gli Ebrei ricevet- buì alla nascita ed allo sviluppo di Rimini.
ne geografica strategica e favore- tero favoritismi dalla famiglia cittadino e monumentale della Il figlio primogenito, Malatesti-
vole per conquistare la Pianura Malatesta e il territorio riminese colonia. Successivamente, in età no dall’Occhio, divenne signore
Padana ancora sotto il dominio si arricchì sempre più. Nel XVI Augustea, Rimini venne impre- di Rimini alla morte del padre.
dei Galli. Non solo, ma anche secolo nacquero delle divergenze ziosità da notevoli monumenti, Furono suoi fratelli: Giovanni
per la fertilità del suo suolo e per politiche tra Ebrei e i Malatestia- ancor oggi visibili ed apprezzabi- lo sciancato, detto Gianciotto,
la bellezza delle sue coste. Così ni. La città di Rimini allora de- li dai cittadini e dai turisti. marito di Francesca da Polenta;
i romani prevalsero sui Galli, si finita “ghetto” divenne così dopo Pensi di essere il primo a scopri- Paolo, che morì con lei. La loro
impadronirono del territorio e guerre civili e svariate battaglie re le bellezze dei lidi Riminesi? storia è narrata da Dante, e la
fondarono “Ariminum”, la più dominio della Signoria Malate- Prima di te arrivarono i Romani! frase “Galeotto fu il libro e chi lo
antica colonia romana, dando- sta, dal 1295 al 1528, acquisendo Rimini fu la prima colonia ro- scrisse” è ancora nota a tutti gli
le una prima impronta urbana, castelli e centri della Romagna. I mana in Pianura Padana. Ma innamorati.
grazie allo sviluppo delle vie di signori malatestiani dominaro- perchè i Romani scelsero pro- La maggiore personalità della
comunicazione. Così i romani no la città nel periodo della sua prio questo territorio? Semplice- famiglia Sigismondo Pandolfo
prevalsero sui Galli e si impadro- massima espansione, per circa mente perchè si trovava all’inizio (Rimini 1417 - 1468), che seppe
nirono del territorio fondando tre secoli. Da svariate situazio- della pianura, in una posizione accrescere con abilità la Signoria,
Ariminum. ni di intrighi e potere, nacque- strategicamente favorevole, per fu guerriero e mecenate.
Rimini ebbe il suo massimo ro rivalità tra i diversi rami dei intraprendere la conquista della Nel 1239 Malatesta da Veruc-
splendore sotto il dominio dei Malatesta (padri, figli, nipoti) Padana ancora in mano ai Galli. chio, il Dantesco Mastin Vec-
romani, grazie all’Imperatore che miravano attraverso diverse Ma non solo, infatti fin da tem- chio (Inf., XXVII, 46), veniva
Augusto, nel cui periodo furono alleanze ad aumentare il proprio pi antichissimi, come ci riferisce nominato Podestà di Rimini. Già
costruiti il Ponte Tiberio, l’Arco potere. Polibio nel 150 a.C. circa, erano da allora la famiglia fu di parte
di Augusto e l’Anfiteatro. Quello che spesso il turismo ed note la fertilità del suolo rimine- guelfa, alla quale resterà sempre
La città di Rimini divenne un il turista ignorano di Rimini, se e la bellezza delle sue coste. legata.
Comune nel XIV secolo con la per scelta deliberata, o sempice- I monumenti di questo periodo Dott. Francesco Piersimoni

Federico Fellini e la “sua” Rimini

Rimini è Federico Fellini. Federico “Rimini è una dimensione della me- possibile: il Grand Hotel. I Vitel- Dietro la piazza, la Rocca Malate-
Fellini è Rimini. La città che ha dato moria” e infatti andò via dalla città loni e i personaggi di Amarcord stiana oggi usata per mostre e incon-
i natali ad uno dei cineasti italiani molto presto, a 19 anni. dealmente la si sono mossi su piazza Cavour tri pubblici, anch’essa intravista in
più famosi del mondo si può legge- Rimini felliniana è spaccata a metà, (alcuni vitelloni vi abitavano an- una scena di Amarcord.
re dal suo punto di vista, con il suo tagliata dalla ferrovia che lascia da che!), la piazza medievale della
sguardo e la sua idea di città, che ha una parte e dell’altra: “la città” (il città, dove c’è la sede dell’Arengo
voluto rappresentare nei luoghi e nei centro storico) e il mare. Il centro sto- (palazzo comunale) e la Fontana
“tipi” romagnoli presenti nei film più rico è fatto di strade, piazze, rocche e della pigna, chiamata così per la
famosi, da Amarcord a I Vitelloni… castelli; il mare è fatto delle spiagge grande pigna posta in cima ad
per cominciare. Oggi quella Rimini, grigie d’autunno e d’inverno, dagli una scultura costruita nella metà
la Rimini inquadrata dal genio di orizzonti pesanti e dal simbolo, nel ‘500 con marmo di carrara e che con-
Fellini è ancora presente, palpabile, suo immaginario del luogo delle in- serva parti che risalgono all’epoca
visitabile anche se Fellini sosteneva finite possibilità, il luogo dove tutti è romana.
   1   2   3   4   5   6   7   8