Page 16 - U.N.S.I. Statuto 2015
P. 16
c. gode di autonomia amministrativa;
d. si obbliga, al momento della costituzione , del versamento della quota sociale in una

quota parte determinata dal Congresso nazionale, alla Presidenza Nazionale;
e. sul piano operativo dipende dall’organizzazione centrale cui invia, entro il mese di

marzo di ogni anno, una dettagliata relazione delle attività svolte ed il programma per
l’anno corrente;
f. deve essere intitolata al nome di un eroico Sottufficiale, possibilmente originario del
luogo che abbia acquisito meriti eccezionali tali da portare lustro alla categoria dei
Sottufficiali;
g. e su autorizzazione del Consiglio Direttivo Nazionale può essere intitolata a militari
riconosciuti quali vittime del dovere o del terrorismo e caduti nell'adempimento del
proprio dovere.
h. è autorizzata dal Presidente Nazionale all’utilizzo del logo e dei simboli appartenenti
all’UNSI.

Art. 43 - ORGANI E CARICHE DELLA SEZIONE
1. Organi e cariche della Sezione sono previsti dal presente Statuto ed assolvono, nell’ambito

della propria giurisdizione, funzioni in tutto analoghe a quelli similari degli organi centrali.
2. In particolare, l’Assemblea dei Soci è l’organo sovrano cui spettano le decisioni per il

raggiungimento, a livello locale, dei fini statutari.
Essa:
a. assicura la partecipazione attiva del socio alla vita democratica dell’Unione; è

convocata dal Presidente di Sezione almeno una volta all’anno;
b. è valida:

(1) in prima convocazione, con la presenza di almeno la maggioranza semplice dei soci
effettivi;

(2) in seconda convocazione, con qualsiasi numero di soci effettivi presenti;
c. esamina ed approva la relazione del Presidente, i bilanci consuntivo e preventivo ed

eventuali altri argomenti iscritti all’Ordine del Giorno;
d. è presieduta da un Socio designato, a maggioranza semplice, dagli intervenuti;
e. prima della riunione del Congresso Nazionale delibera sulla relazione del Presidente

Nazionale, sui bilanci preventivo e consuntivo dell’Unione e sui restanti argomenti posti
all’Ordine del Giorno dei lavori congressuali inoltrando le eventuali osservazioni e
proposte;
f. delibera la nomina del Delegato più idoneo alla trattazione degli argomenti posti
all’Ordine del Giorno del Congresso Nazionale;
g. elegge e nomina, nel proprio ambito, le cariche sezionali.
3. Le deliberazioni sono valide:
a. in prima convocazione, a maggioranza semplice degli aventi diritto;
b. in seconda convocazione, a maggioranza dei presenti.

16
   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20