Super User

Super User

email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Bandiera alla neo costituita Sez. U.N.S.I. Sardegna

Lo scorso 10 giugno è stata consegnata la Bandiera alla neo costituita sezione Sardegna, nata dalla fusione delle Sezioni di Cagliari e La Maddalena.

La Sezione è stata intitolata al Serg. Magg. decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare Ferdinando PODDA.

La solenne cerimonia si è svolta a Loceri,  paese natio del decorato in concomitanza con le celebrazioni della ricorrenza del centenario della morte.

Il Serg. Magg. Podda caduto il 10 giugno 1917 a Monte Zebio (Altopiano di Asiago) è stata conferita la Medaglia d'Oro al Valor Militare con la seguente motivazione" Comandante di un plotone zappatori formante parte della prima ondata di assalto, si lanciò alla conquista di una trincea avversaria, penetrandovi per primo. Ferito alla testa, mentre con pochi uomini tentava catturare un gruppo di nemici, continuò a combattere incitando con l'esempio e con la parola i suoi uomini alla lotta. Ferito una seconda volta ad una gamba, dopo essersi fatto medicare tornò al suo posto d'onore e col vigore che ancora gli restava cooperò a respingere gli attacchi avversari finché, ferito nuovamente ed a morte, cadde alla testa del suo plotone. Fulgido esempio delle più alte virtù militari. - Monte Zebio, 10 giugno 1917

La cerimonia, che ha visto la partecipazione della banda della brigata Sassari, si è articolata con la funzione religiosa, con la deposizione della corona al monumento dei Caduti e    con la consegna della bandiera intitolata al Sottufficiale che ha visto come madrina la zia del decorato.

Per l'Unione Nazionale Sottufficiali Italiani erano presenti alla solenne cerimonia il Vice Presidente Vicario Balducci Domenico, il Vice Presidente Centro Di Giulio Vincenzo, il Presidente della Sezione Sardegna Meloni Gianfranco, la Segretaria Fadda Antonella, che ha curato la parte del cerimoniale e il consigliere della sezione Deriu Gianni.

 

2 giugno 1946 - l'Italia diveniva una Repubblica.

Il 2 giugno 1946, a seguito dei risultati del "Referendum Istituzionale" indetto per scegliere fra Monarchia e Repubblica, l'Italia diveniva una Repubblica.

La data diveniva, come "Festa Nazionale", uno dei simboli del nuovo stato e, dal 1948, l'appuntamento veniva sottolineato con una sfilata di reparti delle Forze Armate.

La cerimonia viene gestita di concerto dalla Presidenza della Repubblica e dal Ministero della Difesa che si avvalgono di tutte le risorse disponibili per il corretto svolgimento della manifestazione.

Attestato di Merito al Cav. Giuseppe Aprile

Stamattina la Sezione UNSI di Trieste nell'ambito del progetto culturale che la sezione sta portando avanti da un anno, ha consegnato un Attestato di Merito al Cav. Giuseppe Aprile, Militare in forza al Reggimento "Piemonte Cavalleria" (2°). 

La consegna dell'attestato di merito è avvenuta in occasione della cerimonia dell'alza Bandiera alle ore 08,00 con il Reparto schierato, a sigillare l'importanza del rito dell'alza Bandiera con il giuramento che ogni militare sottoscrive al momento dell'arruolamento.

Ringraziamo il C.te del Reggimento Col. Stefano SANTORO per la disponibilità nel promuovere queste attività  che danno lustro e visibilità all' UNSI e ci permettono di continuare il legame con il personale in servizio attivo  e ci danno senso di appartenenza alle nostre Istituzioni, Ciò auspicato dal Ministero della Difesa  e ribadito proprio ieri in una conferenza dal Sottosegretario alla Difesa On. Domenico Rossi.

Un ringraziamento di cuore al nostro collega 1°Mar.Lgt. Roberto Madeddu Sottufficiale di Corpo per la sua collaborazione e naturalmente ringrazio i mie più stretti collaboratori Giuseppe Dalia , Esterio Gaetano Ciccarelli, Giuseppe Facciaroni, e i soci che oltre noi hanno presenziato la consegna,  Giuseppe Pala, Giancarlo Minerva, Giuliano Martone, Giuseppe Cazzetta.

Incontro tra le Associazioni

Si è svolto il 10 maggio presso il Centro Alti Studi per la Difesa l'incontro tra le Associazioni Combattentistiche, d'Arma e Categoria con il Sottosegretariato di Stato alla Difesa On. Domenico Rossi. 

Sono stati trattati diversi argomenti tra i quali:

  • unificazione tra le Associazioni;
  • progetti per finanziamenti e progetti;
  • canoni di locazione;
  • tariffe postali. 

L'UNSI è stata rappresentata dal Vice Presidente Vincenzo Di Giulio.

U.N.S.I Cerimonia del 25 aprile 2017

Cerimonia del 25 aprile a San Donà di Piave (VE).

Rappresentanza della Presidenza Nazionale U.N.S.I. e con la rappresentanza della Sez.ne UNSI di San Donà di Piave (VE) alla presenza di autorità civili e militari.

Sez. Unsi Brescia e fase operativa del progetto "Civicamente Giovani"

Il Presidente Nazionale dell'Unione Nazionale Sottufficiali Italiani Luogotenente Roberto Congedi (al centro della foto) ha presenziato il 29 e 30 aprile scorso alla fase operativa del progetto "Civicamente Giovani" organizzato dalla sezione Unsi di Brescia. L'evento si è svolto nel Comune di Vallio Terme (Brescia) ed ha visto partecipare circa 80 tra ragazzi e ragazze che si sono cimentati in attività addestrateve e formative per operazioni di primo soccorso e protezione civile .

"La libertà del pettirosso" del socio U.N.S.I. Francesco Di Giulio.

La casa editrice Lettere Animate ha pubblicato sui principali siti (Amazon, Mondadori Store, Feltrinelli.it ed altri) nella prima metà di febbraio 2017 un romanzo thriller medievale dal titolo "La libertà del pettirosso" dell'autore esordiente nonché socio U.N.S.I. Francesco Di Giulio.

La storia racconta le ambiguità di uomini di chiesa, le loro debolezze, paure e contraddizioni.

Questi sentimenti si manifestano tutti insieme, tra le mura di un'antica abbazia del 1100. La presenza di un'entità misteriosa inciderà sul loro equilibrio personale e sarà la fonte di un grande mutamento. Un viaggio che dall'oscurità condurrà alla libertà.

Sez. U.N.S.I. di Brescia e Civicamentegiovani Junior

Articolo del Giornale di Brescia del 25 marzo , che riguarda il progetto Civicamentegiovani junior che l’UNSI di Brescia tenne in una scuola media della città, per aiutare l’inserimento dei ragazzi.

Sottoscrivi questo feed RSS
close

Sign up to keep in touch!

Be the first to hear about special offers and exclusive deals from TechNews and our partners.

Check out our Privacy Policy & Terms of use
You can unsubscribe from email list at any time